FIORI DI BACH

I Fiori di Bach prendono il nome da Edward Bach, nato il 24 settembre 1886 in Galles.
Laureato in medicina nel 1912, svolse la sua professione di medico a Londra e si accorse che la medicina ufficiale non andava oltre l'aspetto sintomatico e che molte attenzioni venivano date alla malattia piuttosto che al paziente.
Bach prestò attenzione al fatto che i malati reagivano in modo sempre diverso alla malattia e che a uguale malattia non corrispondeva la stessa reazione, che l'emozione di ognuno era fondamentale nel processo di guarigione.

Da qui si avvicinò all'omeopatia, ma non gli bastava. Dopo essersi ammalato iniziò a studiare per trovare un metodo semplice e naturale basato sull'individuo. Si avvicinò allo studio delle piante e iniziò a somministrare essenze floreali e da qui la floriterapia, introdotta nel 1937, ponendo al centro dell'attenzione l'essere umano e non la malattia, le emozioni come linguaggio da tradurre.
La Floriterapia è di solito utilizzata per affrontare i problemi emotivi, ma alla base di questi rimedi c'è la convinzione che lo squilibrio interiore può manifestarsi anche nel corpo, per esempio sotto forma di gonfiore e pesantezza.
Ciascuno dei rimedi scoperti da Bach è indicato per un particolare tipo di carattere o stato emotivo.
Per scegliere i rimedi occorre riflettere su che tipo di persona si è e sugli stati emotivi che si stanno provando.


I Fiori di Bach sono 38, più il Rescue Remedy per le situazioni di emergenza, tipo pronto soccorso (un insieme di 5 fiori) che esiste anche in crema per problemi alla pelle.
Bach ha sempre voluto che i suoi rimedi fossero semplici da usare e che tutti potessero sceglierseli e prenderli da soli.
Potete farvi una miscela con sette fiori diversi. Non c'è da preoccuparsi troppo se si fa qualche errore, perché se un rimedio non è necessario non avrà alcun effetto.

Si possono trovare i Fiori di Bach nelle farmacie omeopatiche.

Si assumono direttamente sulla lingua, 4 gocce per 4 volte al giorno.
Qui di seguito elenco i 38 fiori e le loro caratteristiche principali, ma voglio dirvi che esistono moltissimi libri che li spiegano in modo dettagliato e approfondito.


Agrimony: ansia, tormento, sofferenza interiore nascosta.
Aspen: angoscia, paura, apprensione, ansia.
Beech: intolleranza, ipercriticità, arroganza.
Centaury: remissività, sottomissione, scarsa volontà, accettazione passiva, paura di deludere.
Cerato: indecisione, insicurezza, dubbi, sfiducia in se stessi.
Cherry Plum: perdita di controllo, paura.
Chestnut Bud: scarsa attenzione, superficialità, difficoltà di apprendimento, errori ripetuti.
Chicory: possessività, iperprotezione, ricatto morale, autocompatimento, bisogno di attenzioni.
Clematis: distrazione, mancanza di concentrazione, sbadataggine, fuga dalla realtà.
Crab Apple: perfezionista, bisogno di ordine, disapprovazione di sé anche fisico.
Elm: iper responsabile, troppi impegni, senso di inadeguatezza.
Gentian: malinconia, pessimismo, scetticismo.
Gorse: rassegnazione, disperazione, senza speranza.
Heather: egocentrismo, solitudine, il bisogno di affetto.
Holly: collerico, aggressività, gelosia, invidia.
Honeysuckle: nostalgia, amante del passato.
Hornbeam: non interessato alla quotidianità, stanchezza mentale.
Impatiens: frenesia, impazienza, ansia di anticipare.
Larch: paura di sbagliare, insicurezza, complessi di inferiorità.
Mimulus: paure, insicurezza, timidezza.
Mustard: depressione, malinconia.
Oak: rigidità, stanchezza da dovere.
Olive: esaurimento psichico e fisico, astenia.
Pine: inadeguatezza, sensi di colpa, autoaccusa.
Red Chestnut: apprensione per gli altri.
Rock Rose: paura da shock, panico, terrore, incubi.
Rock Water: rigidità, autodisciplina eccessiva.
Scleranthus: incertezza, indecisione sbalzi di umore.
Star of Bethlehem: forti traumi, forti shock.
Sweet Chestnut: disperazione, angoscia.
Vervain: entusiamo eccessivo, fanatismo, tensione, ipereccitazione.
Vine: prepotenza, ambizione, aggressività.
Walnut: poca capacità di adeguarsi ai cambiamenti, difficoltà di adattamento.
Water Violet: intolleranza, distacco, orgoglio, senso di superiorità.
White Chestnut: lavoro mentale continuo, fatica mentale, pensieri ossessivi e ripetitivi.
Wild Oat: incertezza, dispersione, poca capacità di scelta.
Wild Rose: indifferenza, apatia, rassegnazione, abulia.
Willow: rancore, risentimento, amarezza.



Torna all'inizio della pagina